BORODINO - corazzata russa

 

Lunghezza fuori tutto 121 m.     scala  1:100

Corazzata "pre-dreadnought" derivata dall'acquisto della analoga nave francese Cesarevic.  Il contratto di vendita prevedeva infatti che i russi potessero costruire, sullo stesso progetto, cinque navi con le modifiche che ritenessero opportune.  Prese vita così la classe Borodino composta anche da Imperator Alexander III, Orel, Kniaz Suvarov e Slava costruite dal Cantiere dell'Ammiragliato di San Pietroburgo negli anni fra il 1899 ed il 1905.
Le navi erano armate con 4 cannoni da 305/40 in due impianti binati, 12 cannoni da 152/45 anche essi in impianti binati,  20 cannoni singoli da 75/50 ed altri minori e 4 tubi lanciasiluri di cui 2 sotto la linea di galleggiamento.
Dopo un'epica navigazione intorno all'Africa, tre furono affondate il  15.5.1905 nella battaglia di Tsushima contro i giapponesi e la Orel (insieme ad altre) si arrese al nemico; scampò solo la Slava, all'epoca non ancora ultimata.  Dei 900 membri dell'equipaggio della Alexander III non si salvò nessuno; della Borodino si salvò un solo marinaio. La flotta russa venne annientata.
In dodici tavole una completa documentazione: piano di costruzione, sezione longitudinale, vista dall'alto, ponte di coperta, copertino, ponte di batteria, vista di fianco delle cinque navi della classe, n. 4 sezioni trasversali e numerosi particolari.