LITTORIO - corazzata (*)

Lunghezza fuori tutto  237,70 m    scala 1:200

Varata il 22.8.1937 dai Cantieri Ansaldo di Genova Sestri, fu consegnata alla Marina il 6.5.1940 e ritenuta pronta per l'impiego nell'agosto 1940.  Dal 30.7.1943, con la caduta del fascismo, modificò il nome in Italia
Nel corso del conflitto incassò tre siluri nella "Notte di Taranto", venne lievemente danneggiata nel corso della "Seconda battaglia della Sirte" il 22.3.1942, fu colpita da una bomba da 227 kg sganciata da un aereo e da un siluro nella Operazione "Mezzo Giugno" del giugno 1942 e subì vari danni da bombardamenti aerei mentre era dislocata a La Spezia.  Sopravvisse quindi alla guerra e fu assegnata agli Stati Uniti dal Trattato di pace ma passò invece in disarmo a La Spezia nel giugno 1948 e venne demolita al­cuni mesi dopo.
In 28 tavole originali: piano di costruzione, vista di fianco, vista dall'alto, sezione longitudinale, sovrastrutture e sistemazione delle scale di accesso, castello, ponte di coperta, 1° e 2° corridoio, 1° e 2° copertino, stiva, n. 12 sezioni trasversali (tutte in scala 1:200), sezione maestra (1:50), linee d'alberi (1:100), servizi di scoperta e particolari degli alberi, oltre all'apparato motore costi­tuito da quattro gruppi turboriduttori tipo Belluzzo alimentati da otto caldaie tipo Yarrow a nafta.  Sistemazione generale dell'apparato motore nelle se­zioni longitudinale, orizzontale inferiore e superiore e trasversali in scala 1:100, elica tripala Ø 4,60 e 4,50 m - scala 1:5 e fumaioli - scala 1:50.