ERITREA - nave coloniale

Lunghezza fuori tutto 96,90 m     scala 1:50

Varata il 28.9.1936 dal cantiere Navalmeccanica di Castellammare di Sta­bia, era attrezzata come nave appoggio sommergibili, per la posa di mine, poteva trasportare un numeroso contingente di truppe ed era dotata di un ospedale completo di attrezzature sanitarie e chirurgiche.  Dislocata in Africa Orientale, alla occupazione degli inglesi riuscì a raggiungere da Massaua il Giappone ed alla data dell'armistizio riuscì nuovamente a fuggire ed a raggiungere Ceylon.  Dopo la guerra, nel febbraio 1948, fu ceduta alla Francia ove venne ribattezzata Francis Garnier e con tale nome venne affondata durante un'esercitazione nell'Oceano Pacifico nel 1966.
Una splendida documentazione di dieci tavole rilevate dai piani del cantiere datati settembre 1937, con: piano di costruzione, sezione longitudinale, vista dall'alto, ponte di coperta, n.15 sezioni trasversali, corridoio, copertino, stiva, disegni delle armi, progetto per la sistemazione di un idro e, in grande scala, ancora tipo Ammiragliato, timone e bracci eliche.