CANOPO e CASSIOPEA - torpediniere

Lunghezza fuori tutto 81,40 m     scala 1:50

Dopo vent'anni dalla realizzazione delle torpediniere tipo PN il Comitato Progetti Navi della Marina mise allo studio un nuovo tipo di torpediniere con un dislocamento non supe­riore alle 600 t. ed armate con cannoni da 100 mm. al fine di rientrare nelle convenzioni internazionali allora vigenti.  In effetti, le navi ebbero un dislocamento di circa 700 t. che nel periodo bellico arrivò fino a 1000 t. per l'imbarco di altre armi ed appa­recchiature.
Le torpediniere della Classe SPICA vennero suddivise in varie serie:
Serie Spica: Spica e Astore;
Serie Climene: Climene, Centauro, Castore, Cigno, Canopo e Cassiopea;
Serie Perseo: Perseo, Sirio, Sagittario, Vega, Aldebaran, Andromeda, Altair e Antares;
Serie Alcione: Alcione, Airone, Aretusa, Ariel, Pleiadi, Polluce, Pallade, Partenope, Lira, Libra, Lupo, Lince, Clio, Calliope, Calipso e Circe.
Spica e Astore furono le prime due unità della Classe ad essere varate l'11.3.1934 ed il 22.4.1934 presso i Cantieri Bacini e Scali Napoletani.  Vennero vendute il 27.3.1940 alla Svezia ove ebbero i nomi di Romulus e Remus.
La Canopo venne varate l'1.10.1936 e la Cassiopea il 22.11.1936 dai Cantieri del Tirreno di Riva Trigoso; la prima venne affondata nel porto di Tripoli per bombardamento aereo il 3.5.1941, mentre la seconda sopravvisse al conflitto.
Le torpediniere della Serie Climene erano mosse da due turbine Tosi alimentate da due caldaie tipo Yarrow modificato, con una potenza complessiva di 19.000 HP.
Disegni originali del novembre 1937 in tredici tavole con: piano di costruzione, vista di fianco, sezione longitudinale, soprastrutture, ponte di coperta, n.7 sezioni trasversali, copertino, disposizione generale dell'apparato motore nelle sezioni longitudinale, oriz­zontale e trasversali (scala 1:25), insieme della caldaia (1:10), fumaiolo (1:20), disposizione delle linee d'asse (1:50) e suoi particolari (1:5) ed elica tripala con ø 2,30 m (1:5).